Anche tu (come tutti) hai un deficit intellettivo. Scopri perché

Capita anche a te, a volte, di comportarti come un bambino senza rendertene conto. La colpa è del tuo deficit intellettivo e…

Lo sai che a volte ti comporti come un bambino di 5 anni?

Cosa succederebbe se ti sentissi dire da qualcuno una frase simile?

Probabilmente ti offenderesti. E forse faresti notare, piccato, al tuo interlocutore che tu sei una persona maura, con un lavoro e un sacco di responsabilità famigliari, personali e professionali. 

Ma se fosse vero?

 

Se, in fondo, ti rendessi conto che in certi aspetti della tua vita personale, lavorativa o sentimentali sei tremendamente immaturo, quasi come un bambino di 5 anni? 

Beh, non devi preoccuparti perché lo siamo tutti. E la colpa è del tuo deficit intellettivo.

Ce l’abbiamo tutti un deficit intellettivo. E in queste poche righe proverò a spiegarti brevemente cosa è e come affrontarlo…

Il deficit intellettivo si costruisce dai 3 anni, 4 anni quando alcune aree del nostro cervello restano immature mentre altre si sviluppano. Così, nonostante tu abbia 30, 40 o anche 50 anni, ci sono cose che non riesci a capire, situazioni che non sei in grado di affrontare e gestire come invece ci si potrebbe aspettare da una persona come te. E da una persona della tua età.

Ci sono addirittura delle situazioni in cui questo deficit intellettivo impedisce letteralmente qualsiasi forma di intervento esterno di miglioramento.

Possibile?

Sì, perché se tu non comprendi e accetti di non capire, non puoi risolvere e colmare questo deficit.

Il problema maggiore è proprio quello di pensare di non avere problemi.

Violenza, aggressività, attacchi di panico e perfino gastriti possono essere causate da un deficit intellettivo mai risolto.

Ma il primo passo per risolvere è proprio accettare di averlo.

Accettarlo anche serenamente perché, come ti ho già detto, tutti noi abbiamo dei deficit intellettivi.

Il punto è che alcuni di noi pensano di non averne mentre altri, la maggior parte, decide di convivere con i propri problemi, i propri malesseri e i propri disagi senza provare a risolverli.

Accettano supinamente questa condizione perché non sanno che possono uscirne solo ammettendo prima di tutto che un problema reale esiste. 

Intendiamoci, la colpa non è loro. Nella maggior parte dei casi non hanno le informazioni sufficienti per riuscire a compiere questo processo. E in altri è proprio il loro deficit intellettivo a fare da scudo, impedendo loro di superare stati di violenza e tutte le patologie psicosomatiche legate a questa condizione.

Le neuroscienze ti possono fornire le chiavi per affrontare questo tuo deficit intellettivo e superarlo, colmarlo una volta per tutte.

Qual è la prima cosa da fare?

Accetta che anche tu, come tutti noi, sei in parte immaturo. Il deficit si sconfigge partendo proprio da qui!

le neuroscienze e la conoscenza del tuo cervello

Cosa puoi fare se conosci il tuo cervello?

Ecco gli strumenti che le neuroscienze ti offrono per gestire le emozioni correttamente e prevenire patologie anche serie…

Le neuroscienze non sono un’alternativa al parere tuo medico. Se una persona è malata va dal proprio dottore, gli spiega i sintomi e segue la terapia che viene descritta per guarire.

In questo articolo e nel video qui sotto, scoprirai che le neuroscienze sono  qualcosa di molto diverso. E di straordinariamente importante per tutti noi.

 

Ma allora, a cosa servono le neuroscienze?

Servono a conoscere come funziona il proprio cervello.

Per essere in salute, secondo le neuroscienze è necessario comprendere come funziona il nostro organismo e in particolar modo come agiscono e come comunicano tra di loro le varie strutture e le varie aree del cervello. Questo rende le neuroscienze non solo un insieme teorico di paradigmi ma soprattutto un insieme di norme che regolano in modo visibile e pratico la nostra vita quotidiana. Non consideriamo quindi le neuroscienze unicamente come lo studio delle sinapsi all’interno del cervello, ma come quell’approccio che è in grado di darci le istruzioni per l’uso per vivere bene, fino addirittura a risolvere alcuni stati patologici: le Neuroscienze ci forniscono le informazioni necessarie per condurci al benessere.

In quest’ottica, le Neuroscienze rappresentano uno strumento concreto nella vita quotidiana dell’individuo, un supporto al mantenimento e al recupero dello stato di salute.

Per semplificare, possiamo immaginare il nostro cervello come un contenitore: una scatola che riempi ogni giorno con moltissime emozioni.

Si è visto che, per come è progettato, il nostro cervello è predisposto per memorizzare meglio le emozioni negative rispetto a quelle positive. Il motivo risiede nella sua capacità di difesa.

Ovviamente noi non dobbiamo difenderci dalle emozioni positive, bensì da quelle negative perché i meccanismi di difesa si attivano a seguito di sofferenze, non certo a seguito di gioie.

Le emozioni positive sono straordinarie. Ci regalano gioia e ci fanno produrre endorfine, sostanze chimiche prodotte dal cervello e dotate di una eccezionale capacità riparatrice. Quelle negative, a lungo andare, invece, si possono accumulare andando ad influire sul funzionamento del nostro organismo.

In particolare, la scienza che si occupa di come le emozioni si trasformano in probleatiche fisiche e organiche vere e proprie, si chiama psiconeuroendocrinoimmunologia: il nome è lungo e difficile ma, in sostanza, è la scienza che ci spiega come le emozioni incidono su:

  • Sistema nervoso
  • Sistema endocrino
  • Sistema immunitario

L’accumulo delle emozioni negative può portare ad uno squilibrio di tutti i sistemi che regolano il nostro organismo.

Difficile da gestire perché è la parte animale del tuo cervello che ti sta comandando. 

Proprio come quando devi sostenere un esame all’università e sei nervoso. Cominci a sudare e aumentano i tuoi battiti cardiaci. Sono reazioni che non vorresti avere ma che non puoi controllare perché dettate dalla tua parte animale.

Reazioni che incidono sul tuo sistema endocrino e sul tuo sistema nervoso e che possono portare anche a conseguenze piuttosto gravi. La scienza ha dimostrato come una rabbia eccessiva possa addirittura essere causa di infarto…

Pensa quanto le emozioni negative possono incidere sulla nostra salute.

Puoi affidarti a farmaci e terapie. Oppure puoi fare qualcosa di diverso…

Come ti ho già detto all’inizio di questo articolo, le neuroscienze non sono un’alternativa alla medicina. Ricordi?

Bene. Quello che puoi fare è provare a conoscere il tuo cervello talmente bene da prevenire gli effetti delle emozioni negative e imparare a gestirle di modo che non causino pericolosi squilibri al tuo organismo.

Le neuroscienze ti danno le “istruzioni per l’uso” di te stesso.

Se tu impari come funzioni, tu puoi fornire al tuo cervello tutto quello che gli serve, nella quotidianità, per evitare gli stati patologici.

E’ qualcosa di estremamente pratico.

In molti casi, puoi perfino ripristinare una condizione di benessere e salute che avevi perso per degli errori commessi in precedenza.

Se tu conosci le neuroscienze, puoi cambiare ogni momento della tua vita.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi